verifica pilastri tozzi

Argomenti di vario genere che non rientrano nei gruppi trattati.
Rispondi
plasticita72
Messaggi: 17
Iscritto il: 11/10/2017, 17:29

verifica pilastri tozzi

Messaggio da plasticita72 » 12/10/2017, 15:05

Buongiorno, mi trovo a modellare una struttura in c.a.a. in cui ho impalcati a quote sfalsate, le cui travi vanno ad innestarsi nello stesso pilastro creando dei pilastri tozzi, che chiaramente non si verificano a causa dell'eccessivo taglio causato dall'altezza ridotta. Vorrei sapere se è corretto all'interno dei criteri di progetto imputare un nuovo criterio, nel quale luci di taglio per i tratti in cui è diviso il pilastro siano pari all'altezza complessiva dei due tronchi (altezza pilastro intero) o quale procedura bisogna usare per una corretta verifica dei tronchi tozzi. Grazie
P.S. Allego jpg per migliore comprensione
Allegati
Cattura.JPG
Cattura.JPG (50.7 KiB) Visto 3178 volte

Avatar utente
amarin
Moderatori
Moderatori
Messaggi: 568
Iscritto il: 24/07/2013, 15:27

Re: verifica pilastri tozzi

Messaggio da amarin » 13/10/2017, 14:31

La formula per il calcolo del taglio di progetto è la seguente:
Cattura.PNG
Cattura.PNG (5.39 KiB) Visto 3168 volte
Se il pilastro è tozzo, lp è piccolo ed il taglio da gerarchia diventa grande, in questi casi le verifiche non tornano mai (ma non è un problema di PRO_SAP, è la formula della norma che diventa molto gravosa per i pilastri tozzi).
L’unico modo per far tornare le verifiche è trascurare la gerarchia delle resistenze ma da normativa si può fare solo se q = 1; se il pilastro è tozzo potrebbe essere una soluzione perché spesso per i pilastri tozzi sono meno gravose le verifiche con lo spettro elastico senza gerarchia che quelle con q e la gerarchia. Per quanto riguarda PRO_SAP se vuole fare le verifiche con lo spettro elastico deve fare una copia del modello, impostare q = 1, disattivare la gerarchia impostando luce di taglio per GR = 0 nei criteri di progetto ed eseguire solo le verifiche dei pilastri tozzi, il resto della struttura lo verifica con il modello di partenza con q > 1.
2S.I. Software e Servizi per l’Ingegneria S.r.l.
Ing. Alberto Marin

Via Garibaldi, 90
44121 Ferrara (FE)
marin@2si.it
www.2si.it
Tel. 0532200091
Fax 0532200086

plasticita72
Messaggi: 17
Iscritto il: 11/10/2017, 17:29

Re: verifica pilastri tozzi

Messaggio da plasticita72 » 13/10/2017, 15:30

Grazie per la rapidità della risposta. Ma ho un dubbio sciocco ma pratico, ossia: come si può fare ad inserire i risultati per i soli pilastri ed eventuali travi tozze con q=1nella relazione di calcolo se il modello "PRINCIPALE" è calcolato con q diverso da 1?
Grazie per l'attenzione accordatami.

Avatar utente
amarin
Moderatori
Moderatori
Messaggi: 568
Iscritto il: 24/07/2013, 15:27

Re: verifica pilastri tozzi

Messaggio da amarin » 13/10/2017, 16:32

Deve stampare due relazioni di calcolo ed unirle in Word
2S.I. Software e Servizi per l’Ingegneria S.r.l.
Ing. Alberto Marin

Via Garibaldi, 90
44121 Ferrara (FE)
marin@2si.it
www.2si.it
Tel. 0532200091
Fax 0532200086

vitodal
Messaggi: 18
Iscritto il: 13/07/2016, 17:39

Re: verifica pilastri tozzi

Messaggio da vitodal » 16/04/2018, 21:41

Buonasera,
ho un pilastro con le due travi che convergono (alte 40cm) sfalsate di 30cm in altezza.
Immagine.png
Immagine.png (12.84 KiB) Visto 2755 volte
Quando modello questa situazione si viene a creare un pilastro tozzo di 30cm di altezza con i relativi problemi della verifica in gerarchia.
La cosa che non mi è chiara e vorrei chiedervi è la seguente:
Data la modesta entità del pilastro tozzo (30cm) che in realtà non so se definire pilastro in quanto non c'è effettivamente luce libera tra le due travi e destra e sinistra (si sovrappongono di 10cm) è corretto modellare la trave di sinistra inclinata facendola convergere alla quota di quella di sinistra?
Ovviamente in questo caso la lunghezza della zona critica del pilastro la farei comunque partire dal filo trave che verrà effettivamente realizzata
Avete altri suggerimenti in merito?
Grazie

Avatar utente
gascenzi
Messaggi: 64
Iscritto il: 14/12/2016, 15:01
Località: ROMA

Re: verifica pilastri tozzi

Messaggio da gascenzi » 29/04/2018, 11:42

Data la modesta entità del pilastro tozzo (30cm) che in realtà non so se definire pilastro in quanto non c'è
In effetti la condizione appare più che altro come un disassamento fra le due travi dx e sx, non tale da dare origine alla formazione di tronchi o conci modellabili a pilastro.

Salvo approssimazioni che potrebbero essere del tutto ininfluenti, penso si possa trattare la condizione anzidetta con una opportuna definizione dei fili fissi all'estradosso delle travi.

PRO_SAP è in grado di tenere conto dei fili fissi in termini analitici e non solo graficamente.
eddyjoe

giorosse1249
Messaggi: 16
Iscritto il: 07/04/2014, 8:24

Re: verifica pilastri tozzi

Messaggio da giorosse1249 » 02/05/2018, 12:26

Buongiorno,
con l'uscita della versione 18.1.2, nei criteri di progetto dei pilastri in c.a., generalità, compare la dizione "Progettazione non dissipativa". Mi chiedevo se, in un calcolo con q>1,5, per i soli pilastri tozzi di sottotetto (h=0.70 m) in un nuovo criterio di progetto e spuntando detta voce, si potesse evitare di fare un nuovo calcolo dell'intero edificio con q<1,5, come meglio descritto in post precedenti.
Grazie per la squisita disponibilità da sempre dimostrata.
Giovanni

Rispondi